Come godersi i migliori vini italiani a Roma, Venezia e Firenze

“Un pasto senza vino è come un giorno senza sole”. – Proverbio italiano

La storia del vino in Italia è antica quanto la cultura stessa. La sua popolarità è evidente non solo nella sua ubiquità in occasione di eventi sociali e riunioni di famiglia, ma anche nei proverbi pressoché infiniti in italiano e nei suoi vari dialetti. Tuttavia, questa cultura del vino straordinariamente robusta crea i suoi problemi per i viaggiatori in Italia, vale a dire capire quali sono i migliori vini italiani per voi.

Ecco dove arriviamo. Il segreto per gustare i migliori vini italiani – anzi tutti i buoni vini, non è solo quello di berlo, ma di farlo Esperienza le persone, i luoghi e le culture che creano loro. W se stai prenotando il tuo viaggio attraverso la penisola o stai consultando la line-up al tuo locale enoteca (l’italiano per ‘enoteca’), più conosci i vini italiani, migliore sarà la tua esperienza. Con questo in mente, abbiamo scritto una serie di guide che spiegano come gustare i migliori vini nelle varie regioni d’Italia. Qui di seguito troverai non solo consigli su cosa dovresti bere in una determinata regione, ma anche suggerimenti e trucchi su dove e come accedere a questi tiioli divini e alle ricche culture che li circondano.

Molti dei migliori vini italiani sono invecchiati in botti di rovere bianco come questi |  foto di Jon Connell tramite Flickr https://www.flickr.com/photos/ciamabue/9536003395/in/photolist-fwEvzD-Ah6mTz-ANXLsy-aN43Wk-8XHtHL-qwfDN2-q1fVFT-fjopij-jWdbRH-bQ6esp-bvyKQ5-afKW6M-  cw1A43-apT1ER-aDdxRj-aDdyaL-9B5271-9oTCM9-aDbmYZ-9KjSiD-9KnGc7-cU5XxN-9KnG1m-aDf8S9-iAPqNu-gnr2d9-AxZsp6-fFiErQ-hVteBd-67afaP-hen7V9-67fjnS-7QpqY4-7Qpr36-dAp97v-aDmo2C-aDmog3-  aDfebQ-aDbnbn-aDf8FS-aDhgQH-67ftZL-9KoFA1-rdq2hA-dU9K6S-djn4yv-dAp9UP-afuNeq-4wBSgJ-rHPs2m

Invecchiamento del vino in botti di rovere bianco | Foto di Jon Connell via Flickr

Le basi

In primo luogo, una ripartizione del vino italiano con i numeri:

  • 48,9 milioni : ettolitri, raccolti nel 2015. La maggior parte di tutti i paesi del mondo.
  • 20 : regioni. Ognuno con il suo carattere e sapori unici.
  • 361: vitigni autoctoni catalogati dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, e che non tiene conto di tutti i cloni dei cloni e dei loro cloni (Attilio Scienza, un rinomato professore di enologia a Milano, sostiene che ce ne sono oltre 800).
  • 329: DOC (abbreviazione di Denominazione Origine Controllata o “Denominazione di Origine Controllata”) regioni d’Italia. Questo sistema di classificazione è stato modellato sull’AOC francese e attuato nel 1963 per garantire il controllo di qualità nella produzione del vino tradizionale italiano.
  • 74 : DOCG, o Denominazione Origine Controllata e Garantita e la più alta classificazione del vino italiano, regioni d’Italia. Piemonte, Veneto e Toscana vanta il massimo per regione.

Sentirsi sopraffatto? Ricorda il nostro segreto: il modo migliore per dare un senso al vasto mondo dei vini italiani è scomporlo dalle regioni e poi andare in una determinata regione e Esperienza i suoi vini In cima ad un po ‘di imbibizione, “sperimentare” il vino significa entrare in contatto con le persone, la cultura e la storia che vanno in ogni goccia. Significa visitare le cantine, assaggiare il cibo locale e magari anche partecipare a un raccolto. UN Brunello di Montalcino avrà un sapore incredibile, non importa dove lo bevi, ma per sorseggiare un bicchiere in Montalcino in un soleggiato pomeriggio di primavera, mentre circondato dall’architettura medievale e dalla campagna toscana, è un’esperienza senza eguali. Le cantine sono ground-zero per esperienze memorabili, ma puoi anche gustare i migliori vini italiani in ristoranti, hotel e wine bar. Tutto quello che devi fare è prenotare una mezza giornata e un vuoto bicchiere (questo è “vetro” per chi non lo sapesse) e sei sulla buona strada per sperimentare la cultura autentica di vino italiano .

Per la maggior parte dei viaggiatori in Italia, le migliori regioni con cui iniziare sono quelle che circondano le città italiane più visitate. Tra vedere l’arte, la storia e la cultura di città come Roma, Venezia e Firenze, puoi anche goderti i migliori vini delle loro regioni più ampie.

Roma

Grappoli di Chianti maturo appesi alla vite |  Foto di Francesco Sgroi via Flkickr https://www.flickr.com/photos/artistica2004/2895895924/in/photolist-5pUdY5-5pPCKX-aAZv56-o8gA24-5tmgnM-b7LjsT-52w5TJ-5pPjqV-5BjGrZ-rLj7C4-3SUji-aAJKvu-  23zM2-NieTy-tG5FnD-abxbDc-ADdbWA-q4ccaY-eH4Kk9-ea5eyP-e6m5Zs-q3D8e8-4bs5z6-ebn2Yf-4oqZ7A-cxYTwj-ecs6QL-dZFD5f-5pTF13-dryMSd-iAuegj-sRz65C-iAtwne-abA3Km-atwpid-gxkxU-fQQQme-  9bdwmq-oWQaY7-74wqUG-74stak-qY4LG4-77zZtx-cdj5YU-bEtyyC-6Y7HDp-ea5eBv-anuP6u-rWbny7-m6Udu

Uva matura per il raccolto autunnale Foto di Francesco Sgroi via Flickr

Roma è un must per ogni viaggiatore in Italia, dai visitatori per la prima volta ai veterani esperti. Data la sua reputazione per il cibo senza pari, l’architettura e l’arte, potrebbe sorprendervi che i vini del Lazio – la regione che circonda Roma – non siano stati storicamente considerati tra i migliori vini d’Italia. In effetti, la produzione nella Città Eterna è stata tradizionalmente scarsa nel migliore dei casi. Tuttavia, negli ultimi venti anni i vini del Lazio hanno seguito fedelmente gli appassionati di vino di tutto il mondo, principalmente grazie al perfezionamento delle tecniche di vinificazione.

Bottiglie della zona mostrano espressioni impressionanti di entrambi i vitigni internazionali, come ad esempio Cabernet Sauvignon o Semillion e uve autoctone, tali Cesanese o Aleatico . I viaggiatori che si fermano in città possono concedersi il primo con una visita in cantina, degustazione e pasti a Fattoria di Fiorano : a cantina leggendaria una volta di proprietà di un principe e situato a soli 20 minuti a sud del centro di Roma (prendere il treno per Ostiense e taxi da lì se non si affitta un’auto o un trasferimento). Per quelli che non riescono a uscire dal centro della città, prova Al Grammelot enoteca situato nel quartiere di Monteverde Vecchio a Roma, dove Teodoro Capone offre una lista di vini curati di varietà indigene sia della regione Lazio che dell’Italia nel suo complesso.

Se stai visitando Roma, dai un’occhiata al nostro blog su cose da fare a Roma o prenota uno dei nostri tour di Roma pluripremiati .

Venezia

vino-venezia

Non è illegale visitare Venezia senza aver assaggiato il locale ombra (la parola veneziana per il vino), ma dovrebbe essere. Il Veneto è uno dei più acclamati d’Italia per quanto riguarda i vini. Nessuna sorpresa dato che è la patria di grandi come Prosecco e Amarone . Unico esperto può esplorare il vasto territorio veneto alla ricerca dei migliori tipples ma i visitatori neofiti possono anche assaggiare alcuni dei migliori senza mai lasciare i magici dintorni di Venezia. Forse l’ultima esperienza del vino veneziano nella laguna è a La Suite del Vino dell’Hotel Danieli , dove è possibile prenotare degustazioni guidate a prezzi accessibili con i sommelier, chiamando o inviando un’e-mail in anticipo.

I viaggiatori che desiderano avventurarsi nella splendida campagna veneziana hanno una miriade di opzioni per sperimentare la scena del vino locale. Gli amanti delle bollicine italiane dovrebbero dare un’occhiata Castello di Roncade , un castello del XVI secolo la cui architettura impressionerà tanto quanto il suo vino (offrono anche trasferimenti andata e ritorno da Venezia a pagamento). Gli appassionati di vino potrebbero anche voler visitare il pellegrinaggio a Verona Villa della Torre , dove famoso nel mondo Amarone è creato dalla ben nota famiglia Allegrini. La tenuta – a 16 th- secolo villa rinascimentale dove il I dogi veneziani una volta festeggiavano – è stato rinnovato per accogliere gli ospiti durante la notte. La tenuta ospita anche degustazioni di vini su misura con piatti deliziosi con cucina locale.

Se vuoi assaggiare il vino veneziano con una guida turistica esperta, dai un’occhiata al nostro Tour enogastronomico di Venezia! Puoi anche trovare tour storici e culturali di Venezia e Verona sul nostro Pagina del Tour di Venezia.

Firenze

firenze-vino

La Toscana è sinonimo di cultura del vino italiana all’estero, e le opportunità per scoprire i vini locali abbinati a paesaggi meravigliosi e cibo delizioso abbondano in questa regione. Forse il nome toscano più famoso nel mondo del vino è quello della famiglia Antinori, che produce vino da oltre 600 anni e i cui vini premiati hanno catturato l’attenzione dei collezionisti internazionali nella seconda metà del secolo scorso. esimo secolo. Le radici di Antinori risiedono in Chianti Classico , e il loro centro di accoglienza nel cuore di questa regione è un must per ogni amante del vino toscano. È un capolavoro architettonico e museo della storia della famiglia, della regione e dei vini. Se hai solo un’opportunità per immergerti nella cultura dei vini toscani, questa è la soluzione migliore. Scegli tra una serie di visite guidate prima di recarti al ristorante, Rinuncio 1180 per un pranzo tipico toscano.

I viaggiatori che vagano per la zona di Siena non vorranno perdersi Montalcino, il cuore della produzione di Brunello di Montalcino vini pregiati e uno dei migliori gite di un giorno da Firenze . La città stessa – arroccata su una collina con quello che sembra un infinito elenco di enoteche e un’imponente fortezza medievale – merita sicuramente una visita, ma sono le cantine locali, come San Polo , ciò lascerà un’impressione duratura a tutti coloro che hanno messo piede nel loro campo. San Polo offre visite private personalizzate che terminano con un pasto e si affacciano sulle meravigliose colline senesi, punteggiate da viti e alberi di Cipro.

Per maggiori informazioni su cosa fare a Siena, dai un’occhiata al nostro Guida pittorica a Siena.
Oltre alle due principali zone vinicole del Chianti e Montalcino, Cortona / Montepulciano e Bolgheri offrono vini ed esperienze stellari. Avignonesi è una proprietà mozzafiato vicino a Cortona che produce eccezionali vini biodinamici e offre ai visitatori visite guidate della cantina insieme a deliziosi pasti presso il loro ristorante in loco. Le cantine costiere della Toscana – in particolare Tenuta San Guido e Guado al Tasso – Crea miscele di varietà internazionali che sono state conosciute per rivaleggiare con i migliori vini di Bordeaux. Entrambe queste cantine sono aperte ai visitatori e altre, come ad esempio Tringali-Casanuova , offrire opzioni durante la notte per il completo toscano agriturismo Esperienza.

Per saperne di più sul bere vino in giro per Firenze dai un’occhiata alla nostra blog sulle regioni vinicole toscane. Oppure, per consigli di viaggio meno alcolici, guarda il nostro blog su cose da fare in Toscana .

Serve un bicchiere di vino direttamente dalla botte in un'enoteca di Firenze.  Scopri come goderti la migliore vittoria in Italia nel nostro nuovo blog!

Firenze in Tuscany

Lascia un commento