Perché devi visitare l’incredibile nuovo museo di Firenze: Il Grande Museo Del Duomo

Walks of Italy gestisce una gamma di escursioni a piedi intorno a Firenze e alcune delle più belle destinazioni in Italia. Prenditi un momento e controllali, ci piacerebbe mostrarti il ​​nostro paese!

Il Duomo di Firenze è tra gli edifici più iconici al mondo e le cose migliori da vedere a Firenze, quindi potresti essere sorpreso di apprendere che per molti anni mancava una parte molto importante – la facciata originale -. La facciata medievale del Cattedrale di Santa Maria del Fiore è stato progettato dal suo primo grande architetto, Arnolfo Di Cambio. Sebbene non sia così ben ricordato dal grande pubblico come Filippo Brunneleschi, che progettò e costruì l’immensa cupola del Duomo, Di Cambio fu un titano del tardo medioevo e fu responsabile di gran parte delle fondamenta architettoniche dell’edificio. Quando morì nel 1302, la Cattedrale e la sua splendida facciata, con opere di Donatello e Nanni Di Banco, furono solo parzialmente finite. Circa 300 anni dopo, la facciata fu demolita e sostituita, le sue varie parti imballate in magazzino e in gran parte dimenticate.

Fino ad ora.

La (relativamente) nuova facciata del Duomo di Firenze fu iniziata nel 1587 - non ha l'aspetto della sua età, vero?

La (relativamente) nuova facciata del Duomo di Firenze fu completata nel 1887 – non ha l’aspetto della sua età, vero? Foto per gentile concessione di Wikimedia Commons.

In un colpo da maestro del lavoro investigativo archeologico, i curatori e gli artigiani del nuovo museo di Firenze, Il Grande Museo Del Duomo , hanno ricostruito la facciata originale e messo in mostra molte delle sue belle sculture. Studiando diligentemente un singolo 16 esimo Disegno di Bernardo Pocetti del secolo scorso, artisti e ricercatori hanno realizzato un modello in scala della facciata perduta dalla resina e dalla polvere di marmo. Nella stessa stanza hanno restaurato le porte del battistero di “Gates of Heaven” di Lorenzo Ghiberti nella loro posizione originale di fronte alla facciata per ricreare completamente la visione originale e il rapporto iconografico tra la Cattedrale e il Battistero.

Questo è il disegno originale di Bernardo Pocetti che è stato utilizzato per aiutare a ricostruire la facciata originale.  Senza di esso, l'ideale di Di Tk sarebbe stato perso per sempre.

Senza il disegno cinquecentesco di Bernarod Pocetti della facciata originale del cathdral (sopra) l’ideale di Di Cambio sarebbe andato perduto per sempre. Foto per gentile concessione di Wikimedia Commons.

La presentazione della Façade al pubblico coincide con la riapertura di uno dei musei più belli ma trascurati di Firenze. L’organizzazione dietro di esso, il Opera del Duomo , ha supervisionato la costruzione e le ristrutturazioni sul Duomo per oltre 700 anni. Durante questo periodo hanno raccolto un’orda di capolavori medievali e rinascimentali come nessun altro sul pianeta, tra cui una Pietá di Michelangelo e quelle porte del Battistero le cui ricreazioni si svolgono nel Piazza del Duomo dietro una folla permanente di turisti che prendono selfie. Ma nonostante tutta la sua incredibile arte, il museo è rimasto a lungo semi-dimenticato in un angolo di Piazza del Duomo, apparentemente sotto costante ristrutturazione e per lo più trascurato dai turisti sul normale percorso del museo di Firenze che va dal Duomo all’Accademia, e infine il degli Uffizi.

Il problema, ha spiegato il direttore del museo, monsignor Timothy Verdon in una recente conferenza stampa, non è stato di grande arte, era “come mostrare più di 100 frammenti della facciata medievale perduta della cattedrale … quaranta statue, molte monumentali in scala, e alcune sessanta elementi architettonici “.

Per accogliere questa collezione regale, il museo ha ampliato fino a raddoppiare le sue dimensioni, grazie all’acquisizione di un vecchio parcheggio. In tal modo è diventata metà galleria, metà esperienza di immersione architettonica. Le innumerevoli parti della vecchia cattedrale si riaffermano nello spazio e nel tempo, creando all’interno della tabula rasa del museo una sorta di cattedrale ombra che non è mai stata, ma avrebbe potuto essere se la storia fosse stata leggermente diversa. Ci ricorda che l’arte è, prima di tutto, basata su idee e non importa quanto sia solido o monolitico il medium, il vero genio risiede nella mente.

Che tu sia lì per la grande riapertura domani, giovedì 29 esimo di ottobre o di un anno, questo è un museo che non puoi più perdere. Scopri cosa vedere e come vederlo qui sotto.

Le cose da vedere a Il Grande Museo Del Duomo:

  • I due capolavori di Lorenzo Ghiberti: la più compiuta delle due porte di bronzo raffiguranti scene bibliche è quella che si affaccia sulla facciata del Duomo ricostruita. Lo stesso Michelangelo lo chiamava “Porte del Paradiso” ed è la copia di questa porta che attira le folle in Piazza. Forse la porta storicamente più significativa è la North Door . Quando Ghiberti vinse la commissione, sconfisse (e seriamente infastidito) il giovane e promettente Filippo Brunneleschi che fu costretto a rivolgere le sue attenzioni alla cupola ormai iconica.
  • Donatello’s Penitent Magdalen ( Maddalena Penitente ): questa scultura in legno non aveva precedenti nel suo tempo per rappresentare un’immagine iperrealista, quasi macabra, di una Maria Maddalena molto emaciata. Se vi siete mai chiesti quali trent’anni di penitenza nel deserto avranno sulla vostra pelle, il lavoro di Donatello è lo studio perfetto.
A lungo considerato uno studio impareggiabile in anatomia, la Penitente Maddalena di Donatello non manca mai di inquietudine e stupore.

A lungo considerato uno studio impareggiabile in anatomia, la Penitente Maddalena di Donatello non manca mai di inquietudine e di stupore. Foto per gentile concessione di Wikimedia Commons, “Donatello, maria maddalena 02” di I, Sailko. Autorizzato sotto CC BY 2.5 via Commons – https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Donatello,_maria_maddalena_02.JPG#/media/File:Donatello,_maria_maddalena_02.JPG

  • L’altra pietà di Michelangelo: i visitatori di San Pietro sanno che non è possibile non notare la raffigurazione di perdita e di dolore materno di Michelangelo nella Pietà, ma non tutte le opere dell’artista sono state clamorose successi. Come un vecchio, Michelangelo ritornò sulla scena della crocifissione di Gesù per iniziare a lavorare su un altro Pietá destinato alla propria tomba. Le cose apparentemente non sono andate bene – alla fine ha preso un martello per il pezzo e l’ha lasciato incompiuto. Nonostante, o forse a causa delle sue mancanze, questa scultura offre un’intuizione unica e intima nella mente di un maestro.
  • La Galleria del Duomo di Brunelleschi: se non conosci la storia di una delle grandi imprese architettoniche della storia (o soprattutto se lo fai), devi vedere la sezione del museo dedicata alla creazione della cupola titanica della Cattedrale. Con modelli, disegni e persino alcuni degli strumenti utilizzati per costruire la cattedrale, l’improbabile impresa viene portata in scena in modo mozzafiato e si rivolge in particolare ai bambini.
  • Risparmiano il meglio per ultimo: se percorri l’intero museo, l’ultima stanza è una terrazza panoramica che ti offre una vista spettacolare sulla cupola del Brunelleschi.

Per altre idee su cosa vedere a Firenze e dintorni, non perdere i nostri blog cosa fare a Firenze il lunedì , e il migliori gite di un giorno da Firenze.

Come vedere Il Grande Museo Del Duomo

Il Grande Museo Del Duomo apre domani, 29 ottobre esimo , 2015. Sarà aperto sette giorni su sette, ma man mano che questo è attivo, non ci sono ancora informazioni sulle sue ore. Controlla il Sito web del Museo del Duomo per un programma aggiornato.

Una delle tante cose interessanti del museo è che i suoi biglietti ti permettono di accedere alla Cattedrale, al Duomo, al Battistero, al Campanile e persino alla Cripta. Ma ricorda che non ti danno la possibilità di saltare l’accesso alla linea; se visiti durante l’alta stagione tieni presente che le linee per la cattedrale possono durare spesso per due ore. Puoi utilizzare il tuo biglietto per 6 giorni dopo averlo acquistato, ma una volta inserito il primo monumento hai solo 24 ore per visitare il resto. Ricorda inoltre che puoi inserire ogni monumento solo una volta su un determinato biglietto.

Al Walks of Italy abbiamo alcune cose da fare quando si tratta del Museo del Duomo e della sua incredibile nuova ristrutturazione / espansione. Guarda questo spazio in primavera per ulteriori sviluppi!

Firenze in Tuscany

Lascia un commento